Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Festa della Repubblica italiana 2009

Data:

09/06/2009


Festa della Repubblica italiana 2009

Le celebrazioni per la Festa della Repubblica hanno avuto inizio con una cerimonia religiosa presso la Cattedrale di Mar del Plata seguita dalla deposizione di una corona di alloro presso la Plaza Capitolina, il monumento dedicato ai caduti italiani di tutte le guerre. Il Console, quindi, ha offerto un ricevimento presso l'elegante sede del Golf Club cui hanno preso parte circa 800 persone. Erano presenti, fra gli altri, il Sindaco di Mar del Plata Pulti, il Vescovo della cittá Monsignor Puigari, i vertici delle Forze Armate, autoritá accademiche, i rappresentanti istituzionali della collettivitá, imprenditori italiani ed argentini, giovani e studenti, numerosi connazionali. L'evento é stato caratterizzato dall'esposizione di tre autovetture FIAT - i modelli Palio, Linea, Stilo - e di due automobili d'epoca messe a disposizione dal Museo Fangio di Balcarce, una Maserati 450s ed una Ferrari 125. I due modelli furono guidati da Manuel Fangio negli anni sessanta.
Nel corso del ricevimento, si sono esibiti il tenore Rafaello Cini e la soprano Oriana Favaro che hanno eseguito arie di musica lirica ed é stata presentata al pubblico la vincitrice del concorso Miss Argentina 2009 la giovane italo-argentina Ana Paola Ras Vitiello, prossima a partecipare all'edizione di Miss Italia 2009. Sono state regalate al pubblico copie del volume "Le sedi consolari italiane in Argentina", messe a disposizione dall'Ambasciata d'Italia a Buenos Aires.
 


La Maserati 450s esposta durante il ricevimento


La Ferrari 125 esposta nel corso del ricevimento


Un momento dell'esibizione della soprano Oriana Favaro e del tenore
Raffaello Cini. Alle spalle degli artisti il Vescovo di Mar del Plata Monsignor
Puigari ed il Console Fausto Panebianco


Un momento del ricevimento: Miss Argentina 2009, l'italiana Ana Paula Ras
Vitiello, i rappresentanti istituzionali della collettivitá, il Vescovo della cittá

145